Hacker attaccano gli USA per boicottare le elezioni Presidenziali 

Ancora un attacco da parte di hacker a danno degli USA. Si sospetta che l’origine possa essere la Russia.

Ad essere colpito è Twitter ed in particolare le conversazioni che hanno come hashtag le elezioni presidenziali.
Il sito della RAI riporta la notizia (Leggi la notizia qui) facendo giustamente notare un aspetto importante:

Come spiegato da Dyn sul suo sito, oggi a partire dalle 7.10 orario di New York (le 13.10 in Italia) “abbiamo iniziato a monitorare e mitigare attacchi DDoS contro la nostra infrastruttura”. Si tratta del cosiddetto “Distributed Denial of Service” (DDoS) con cui gli hacker impediscono il regolare flusso di dati sovraccaricando server con informazioni inutili e ripetute richieste di caricamento di pagine web. Di conseguenza i normali utenti non riescono a visualizzare le pagine prese di mira. Anche Amazon e il fornitore di servizi cloud Heroku hanno riferito di avere osservato in modo diffuso problemi legati al Dns. Dyn ha aggiunto che l’attacco ha condizionato soprattutto gli internauti lungo la costa orientale degli Usa.

 Attacchi di questo tipo mirano a dimostrare la fragilità dell’infrastruttura tecnologica degli Stati Uniti. E a creare un senso di paura all’interno della cittadinanza.

Dal punto di vista tecnico, un attacco distribuito e di difficile gestione perché non sempre individuabile. 

È importante notare il dettaglio che spesso viene data alcunainformazione in merito alla sorgente degli attacchi.  

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: