Riflessioni sulla guerra IT: passato, presente e futuro di un business milionario

Gli attentati di Parigi fanno riflettere su qualcosa di agghiacciante: forse ha ragione il Papa, la Terza Guerra Mondiale è già iniziata da un bel po’ e si disputerà “a pezzi”. In questi attentati, ciò che però colpisce, è che non ci sono dei target militari, bensì l’obiettivo sono i civili. Basti pensare alle torri gemelle, e ad altri tristi casi che hanno visto coinvolte “persone normali” e non istituzioni.

Cambiamo scenario.

Circa 15 anni fa, su Internet, era possibile navigare senza alcun dispositivo di sicurezza. Niente antivirus, niente firewall, nessun proxy necessario. Gli utenti istituzionali si proteggevano con delle misure relativamente irrisorie ma per le “persone normali” non era necessario. Poi qualcosa è cambiato.

Leggi tuttoRiflessioni sulla guerra IT: passato, presente e futuro di un business milionario

Quando il terrorismo viene combattuto con i social network

Gli attentati di Parigi, ci hanno dimostrato che i social network hanno, in realtà, più importanza di quella che pensiamo. Grazie a Facebook, ad esempio, è stato possibile conoscere lo stato di persone potenzialmente in pericolo, e che tramite il social network sono riuscite a far sapere che erano in salute.
Non è la prima volta che i mezzi di comunicazione sociale sono in grado, tramite Internet, di aiutare le persone in difficoltà. Google ha messo in campo, qualche anno fa, un sistema per la geolocalizzazione di persone coinvolte in disastri naturali.

Leggi tuttoQuando il terrorismo viene combattuto con i social network