Million Mask March: la marcia di Anonymous nel mondo

Il 2019 è stato un anno pesante per la cyber security italiana, con numerosi attacchi (oltre 60 nel periodo da gennaio ad agosto) tutti andati a buon fine ma nonostante la gravità della situazione, l’Italia sembra sottovalutare gli effetti di una scarsa sicurezza. In queste ore, in tutto il mondo, è il giorno della Million Mask March. Vediamo di cosa si tratta.

Leggi tuttoMillion Mask March: la marcia di Anonymous nel mondo

Data breach in ambito sanitario

Quali potrebbero essere le conseguenze di un data breach su dati sanitari all’interno di una struttura ospedaliera? Tre scenari per descrivere i rischi più comuni e spesso trascurati a cui va incontro l’infrastruttura IT ma anche il paziente. Questo articolo è stato pubblicato da Agenda Digitale ed è anche reperibile a questo link.

Leggi tuttoData breach in ambito sanitario

Anonymous Italia attacca la sanità

Lo avevano detto e lo hanno fatto: Anonymous Italia ha attaccato la sanità o la mala-sanità, come viene definita da loro stessi, in una serie di data breach e defacing finalizzati a portare avanti l’OpPharma. I risultati dell’attacco sono pesanti.

Leggi tuttoAnonymous Italia attacca la sanità

Data Breach: le incomprensioni

Il caso del data breach sul Garante della Privacy ha aperto una serie di domande in merito al significato di data breach, cerchiamo di fare chiarezza perchè la questione è particolarmente delicata e va affrontata con metodo: si può considerare un data breach un attacco che non riguarda dati personali?

Leggi tuttoData Breach: le incomprensioni

La Giustizia secondo LulzSec_ITA

È iniziata oggi, in un certo senso all’improvviso, la prima di cinque giornate dedicate ad attacchi che il gruppo hacker LulzSec_ITA pubblicato sul suo account Twitter. La preoccupazione è alta per i target designati che potrebbero essere di alto profilo e istituzionali. Colpiti l’Ordine degli Avvocati di Caltagirone e di Matera.

Leggi tuttoLa Giustizia secondo LulzSec_ITA

11 Settembre: gli archivi degli hacker sono disponibili

Questa mattina ho deciso di riprendere in mano, con un po’ di coraggio, la faccenda dei documenti pubblicati dal gruppo hacker The Dark Overlord in merito alla tragedia dell’11 settembre. Ho cercato qualche risposta in più e mi sono imbattuto nei loro archivi, ma facciamo un po’ di riepilogo (ma giusto due righe) per capire un po’ meglio di cosa stiamo parlando.

Leggi tutto11 Settembre: gli archivi degli hacker sono disponibili

Cyber-Security: fattori importanti nella fase di analisi

La recente pubblicazione di credenziali e account contenute all’interno delle “Collection” di cui si è tanto parlato, ha fatto scalpore. Eppure durante l’analisi dei risultati sono emersi legittimi dubbi circa l’anzianità dei dati riportati. Il tempo è quindi così importante? Vediamo quali sono i fattori più comuni alla base dei cyber attacchi.

Leggi tuttoCyber-Security: fattori importanti nella fase di analisi

Ceramica IRIS: tra retorica e problema reale

Ceramica IRIS è produttrice di ceramiche nel distretto industriale di Modena e Reggio Emilia. L’azienda si occupa anche della produzione di piastrelle, marmi, graniti, pietre fabbricate ed in sostanza è in prima linea nel settore. L’azienda stata fondata da Romano Minozzi. Ha fatto scalpore la notizia di un attacco hacker che avrebbe bloccato i sistemi per 48 ore e di una richiesta di riscatto da capogiro: 950.000 euro. Ma forse non è il “solito” attacco.

Leggi tuttoCeramica IRIS: tra retorica e problema reale

Il nuovo modo di fare la guerra

Quando si è piccoli, almeno una volta, si è detta la frase “vorrei un mondo senza guerra”. Poi cresci, vai al liceo e all’università e impari che la guerra è qualcosa di spaventosa il cui unico (e discutibile) merito è di riavviare l’economia in modo portentoso. La guerra, di contro, devasta intere civiltà sia dal punto di vista umano che dal punto di vista strutturale. Torniamo a parlare di guerra ma in un modo diverso perché forse il tempo di una nuova guerra sta arrivando e, pur rimanendo spaventosa, è forse meno devastante della prima.

Leggi tuttoIl nuovo modo di fare la guerra