Rapporto di sicurezza Cyber Anti-Sec 2020

Continua la tradizione dei rapporti di sicurezza Antis-Sec creati per analizzare l’andamento degli attacchi che in registrati in Italia e con particolare riferimento a data-breach e defacing, ma non solo…

Sanità, giustizia, economia, pubblica amministrazione ma anche il mondo del privato: l’edizione 2020 contiene novità circa l’andamento degli attacchi ed introduce nuovi osservatori in merito alle minacce trasmesse per posta elettronica.

Il 2019 è stato sicuramente un anno molto complesso per l’Italia: se da una parte si è parlato di perimetro cibernetico, dall’altra i collettivi Anonymous e LulzSec_ITA hanno dato dimostrazione della fragilità di numerosi portali informatici deputati al contenimento e trattamento di informazioni personali e non solo. Basti pensare ai data-breach fatti all’Ordine degli Avvocati di Roma o a quello eseguito sull’operatore LycaMobile. Ma l’Italia tecnologica è stata altresì scossa da attacchi molto pesanti provenienti anche da altri soggetti, ad esempio alle strutture ospedaliere: sicuramente in testa alla classifica vi è il caso dell’ospedale di Erba.

Questi casi e molto altro è contenuto ed analizzato all’interno del report, con un occhio di riguardo al passato ma sempre rivolti alla voglia di creare un futuro un po’ più “sano” per le tecnologie e i dati del nostro Paese.